TRASLATE MY PAGE

venerdì 3 giugno 2016

TTIP necessario per proteggere le grandi banche


 di Daniele Chicca

Con la firma del Trattato di libero scambio tra Europa e Stati Uniti, il TTIP, gli stati assicurerebbero alle grandi banche americane la protezione da cause legali europee.

Barack Obama, grande promotore del patto di libero commercio tra le due potenze occidentali, sembra avere una grande fretta di concludere. Il motivo non è tanto il suo secondo e ultimo mandato presidenziale in scadenza, ma piuttosto il fatto che le grandi banche Usa devono trovare un modo per proteggersi dalle cause legali mosse in Europa da tutti quegli investitori che sostengono di essere stati ingannati durante la crisi.


L’ambasciatore statunitense ( John Phillips ) in Italia ha già avvertito gli europei che se il TTIP non viene firmato, anche le loro grandi banche potrebbero vedersi costrette a pagare miliardi di dollari agli investitori che si presume abbiano ingannato manipolando i mercati.

Il motivo di tanta fretta è uno: le grandi banche devono proteggersi dalle cause legali mosse in Europa dagli investitori, i quali sostengono di essere stati ingannati durante la crisi del debito“. Phillips in pratica ha lanciato un appello ai tedeschi perché proteggano le loro grandi banche, come Deutsche Bank, dalle cause intentate agli investitori stranieri, come gli italiani.


Deutsche Bank è accusata perché si presume abbia venduto titoli di Stato italiani ai suoi investitori definendoli come investimenti sicuri nel 2011, sottolineando che il debito pubblico italiano non destava preoccupazioni. è così che l’istituto di credito ha venduto quasi il 90% dei bond italiani. 

Senza TTIP Fitch, Moody’s, Standard & Poor’s e le grandi banche americane come JP Morgan Chase e Godman Sachs – già multate in Usa – saranno chiamate in giudizio e probabilmente costrette a pagare per condotta fraudolenta sui mercati e nello specifico per la cessione di strumenti derivati e bond rischiosi.




Tratto da:wallstreetitalia


Link:https://www.youtube.com/watch?v=9SR62ZVynM4





Nessun commento :

Posta un commento